lunedì 18 giugno 2007

CONSEGNATI I LAVORI PER IL NUOVO ACQUEDOTTO

Stamattina, 18/6/'07, presso l'aula consiliare della XXII^ Comunità Montana , sono stati consegnati i lavori del nuovo acquedotto "che rappresenta" - ha detto il sindaco di Lenola Gianni De Filippis - "una antica aspirazione della popolazione locale". Alla cerimonia, oltre ai rappresentanti della comunità montana, erano presenti l'assessore regionale all'ambiente, Filiberto Zaratti, il direttore regionale ambiente e coopoerazione tra i popoli Raniero De Filippis, il progettista ing. Lucianetti e il responsabile della ditta appaltatrice dei lavori.
Si tratta di una grande opera di cui tutti ora vorrebbero prendersene il merito, "ma l'importante" - ha dichiarato il sindaco di Lenola - " è che la cittadinanza non soffra più la carenza idrica".
Quando verrà ripristinato il sito ufficiale del Comune, interrotto per questioni tecniche, l'amministrazione illustrerà le fasi salienti della condotta.

Prima di lasciare il nostro paese, l'assessore regionale Zaratti, accompagnato dal sindaco De Filippis e dal consigliere Carlo Pietrosanto ha voluto visitare l'area e la struttura che l'amministrazione comunale ha messo a disposizione della protezione Civile a seguito di apposita convenzione.

37 commenti:

Anonimo ha detto...

Finalmente si beve.

Clandestino ha detto...

...tutti vorrebbero prendersi il merito?
Il merito non è certo dell'Amministrazione Comunale, ma della Comunità Montana per aver presentato il progetto e della Regione Lazio che, oltre ad aver finanziato l'opera con 3.000.000 di euro, ha affrontato e risolto il problema in poco tempo.
O sbaglio?

Gruppo di maggioranza ha detto...

Caro clandestino, non si ha nessuna difficoltà a dire bene della Regione quando ci approva qualcosa di utile. Anzi, siamo i primi ad ammetterlo e speriamo ci finanzi altri interventi che l'amministrazione comunale ha richiesto. A suffragare la tua considerazione diciamo addirittura di più, ma soprattutto per precisare che il progetto è stato finanziato dalla Regione Lazio e che la gestione dell'opera è stata data alla comunità montana solo perchè ente sovracomunale. Il tutto è partito nel 2004 con la progettazione ed è proseguito con il reperire le risorse necessarie. Se poi vuoi che parliamo di tutti gli incontri avuti alla Regione con l'amministrazione comunale (certo anche con la comunità montana) per questo problema, possiamo anche farlo ma rischiamo di sollevare una inutile polemica.
Intanto, se dobbiamo comunque ringraziare la Regione Lazio, che poi è l'ente preposto a queste cose,a livello locale lo stesso non possiamo fare nei confronti di quegli amministratori che sicuramente votasti nel '99 e che quando governavano Lenola hanno sempre tirato a campare. Infatti il loro mandato amministrativo è terminato con un Commissario Prefettizio, il nostro intanto (con la nostra presenza ed il nostro contributo)terminerà con un'ulteriore grande opera. Pertanto, la prossima volta, come già hanno fatto molti e come faranno tanti altri, pensaci bene prima di votare guardando solo il colore politico. Guarda anche le capacità delle persone.

Anonimo ha detto...

Vorremmo ubriacarci di acqua non di politica.

ELCHE ha detto...

Cara Maggioranza,
ma non dovete innervosirvi se vi fanno notare che il merito è della Regione Lazio e della Comunità Montana e non certo della giunta De Filippis e che il commissario prefettizio c'è stato 4 anni fa (QUATTRO!!) ed che in questi 4(QUATTRO) anni l'acqua è mancata con conseguenze pesanti sull'economia del paese e che in questi anni non avete fatto nulla se non avallare tutte le scelte di AcquaLatina.
Il vostro contributo a questa "grande opera" è tutto da dimostrare e se anche voi seguiste il VOSTRO consiglio (..."pensaci bene prima di votare guardando solo il colore politico..." ) dovreste votare per il centrosinistra che sta portando l'acqua a Lenola !!!!

Giusto???

Gruppo di maggioranza ha detto...

Cara o caro Elche, noi non ci innervosiamo affatto, rispondiamo. Semmai si innervosiscono i nostri avversari per l'insofferenza che provano nel notare i tanti lavori in cantiere e che a seguito dei quali non sanno più cosa dire.
Precisiamo le cose. Noi potremmo anche votare il centro sinistra a livello regionale (chi lo sa...), ma non CERTI personaggi che si candidano a Lenola i quali non ci hanno lasciato nulla di buono. Naturalmente non vogliamo generalizzare, ma l'arrivo di un Commissario Prefettizio in un comune denota incapacità a risolvere i problemi e pochezza politica.

Idraulico ha detto...

Esatto, credo che la maggiornza non si sia preso nessun merito, anzi ha esposto un problema specificando che partirà questo progetto.

A me sinceramente non me ne frega niente di chi sia il merito, basta che ci sta l'acqua.

Dunque da oggi ACQUA ALLE PAPERE

Claudia ha detto...

Per clandestino, per Elche e per chi ne vuole sapere di più su questo problema, andate a leggere l'intervento del gruppo di minoranza.

Anonimo ha detto...

ma fino a quando, per coprire la propria pochezza, verrà tirato in ballo il commissario che è venuto a Lenola quattro anni fa? E' ora di finirla con questa storia e rispondere solo del proprio operato!!!

Clandestino ha detto...

Vi ringrazio della risposta e di aver suffragato ciò che affermavo.

Per quanta riguarda il mio voto del '99: si, votai per il centro-sinistra (se possiamo chiamarlo così, perchè il Sindaco indipendente di colpo divenne il sindaco di Forza Italia).
Mi impegnai personalmente per tre mesi, dopo dei quali mi chiamai fuori e interruppi qualsiasi collaborazione con quella maggioranza per motivi che non sto qui a spiegare.

buon lavoro.

ELCHE ha detto...

Fate una bella dichiarazione a Latina Oggi: "L'amministrazione comunale di Lenola ringrazia la giunta Marrazzo per aver provveduto a portare l'acqua a Lenola e per questo (chi lo sa...) passerà al centrosinistra alle prossime elezioni".

Gruppo di maggioranza ha detto...

Non è facile digerire il fatto che il problema dell'acqua a Lenola si avvia a risoluzione con questa amministrazione. La minoranza prova anche a sponsorizzarsi sul nostro sito e tenta in tutti i modi di minimizzare la nomina del Commissario Prefettizio avvenuta agli inizi del 2003. Ma è una realtà che l'arrivo di un commissario rappresenta un evento di eccezionalità per un comune, che fa seguito ad un comportamento di incapacità politica.
Non abbiamo nessun problema a ringraziare la Giunta Marrazzo che ha fatto la propria parte, come la Giunta Storace, come noi e come altri ad ogni livello. Lo stesso non possiamo dire di CERTI consiglieri di minoranza che quando sono stati di maggioranza hanno solo fatto chiacchiere ed ora vorrebbero riciclarsi come personaggi lindi e pindi insegnando a noi come si amministra un paese. Ma l'esperienza amministrativa di questi personaggi è stata già vissuta dalla popolazione che ne ha avuto abbastanza della loro mancanza di idee e di progettualità.

Maestra 2007 ha detto...

Vorrei che qualcuno chiarisse qualche mio dubbio:

fino al giorno primo dell'ideazione di un blog di minoranza e poi di maggioranza, tutti si lamentavano che a Lenola nulla veniva fatto e tutto andava storto.
La minoranza apre un blog è su dieci interventi, uno è positivo e gli altri ... apprezzamenti negativi, "incazzamienti", accuse su più fronti.
La maggioranza avvia il suo blog, elenca una miriade di azioni positive svolte in questi quattro anni e tutti intervengono felici, beati, contenti, soddisfatti.
Leggendo questo blog, mi immagino Lenola e i suoi cittadini come un'isola felice.
Ma, scusate cari Anonimi e nomignoli vari, ma non eravate quelli che criticavate ogni cosa, anche se uno si permetteva di starnutire a Lenola???????

Non capisco. A me pare tutto nu bluff!

pozzo ha detto...

Viva Carlo Pietro e Santo

Anonimo ha detto...

Ma questo commissario prefettizio di cui tanto si parla quale danno avrà mai portato a questo nostro paese? Possibile che tutti i nostri disastri dipendono da questo povero "cristo" che qui c'è stato solo tre mesi?

Capisco che l'attuale maggioranza abbia impostato la campagna elettorale del 2003 sul commissario prefettizio, ma che ora ci voglia impostare anche quella del 2008 mi sembra esagerato.

A Gianni... ma non è che tu sei a corto di argomenti per l'anno prossimo e tiri in ballo la storia del cosmmissario.

Tu critichi gli altri per la mancanza di idee ma mi dici tu in tredici anni di sindaco quali idee hai messo in cantiere per Lenola oltre quelle della LUMUCI (fallita) e i Comitati di quartiere (falliti anche)?

Anonimo ha detto...

beati voi comun.... che non fate un c....

Anonimo ha detto...

Apriamo un dibattito sulla LUMUCI?

il commissario montalbano ha detto...

Azz, anche a Lenola c'era un mio collega... mica la sapevo sta storia...

Anonimo ha detto...

Scusate a tutti, ma perchè la maggioranza non apre un post sui vigili urbani estivi, un post solo con il titolo in cui saremo noi a scrivere, a quanto pare sento molte lamentele di ingiustizie subite dai cittadini

Anonimo ha detto...

Ma perchè la lettera indirizzata al comune, riguardante l'acqua, quelli dell'Hermano la scrivono su tutti i blog fuorchè a quello dell'amministrazione comunale o al collaterale?????

utente indaffarato ma attento! ha detto...

l' annoso problema dell' acqua verrà risolto? io non credo proprio, perchè dopo la condotta principale si dovrà mettere mano alla condotta cittadina, si dovranno mettere mano a tutti quelli che comunque l'acqua la rubano per innaffiarsi l'orto (vedasi doppini prima dei contatori) e per lavarsi le macchine. io personalmente sono stanco di essere preso per culo dalla destra, dalla sinistra, l'acqua è la mia, l'ho fatta portare io.....E BASTA!!!! se siete capaci di fare politica, fate in modo di riportarla nelle piazze, a contatto anche di quelle persone che internet non sanno nemmeno dove sta di casa, ci vuole il confronto pubblico, bisogna essere capaci di spiegare e dire quello che si pensa mettendoci la faccia, cxxxxo, fatevi una passeggiata per lenola e domandate ai vecchietti come stanno, domandate agli operatori commerciali come stanno, andatelo a dire a quegli artigiani che per lavorare ogni mattina si devono svegliare alle 4 e andare a roma, come si sta bene a lenola. BASTA!!!
Lenola sta diventando un paese fantasma; un paese turistico non permette ai bar di stare chiusi con questo caldo, ma questo perchè succede? se arriva un pulmann di turisti alle tre sul colle, ndo vanno a pisciare o a bere?
ma a lenola si sta bene, a lenola ci siamo internettizzati tutti, ormai si fa politica dalle poltrone di casa, sia destra sia sinistra.
per vedere maggioranza e opposizione in gran pompa magna bisogna aspettare le feste di paese, oppure i vari ricettacoli con costatelle o tarallucci.
la verità è che questo paese sta a cuore ai politici solo quando ci sono le elezioni, uno se c'ha un problema deve aspettare le votazioni, deve essere fortunato ad avere il problema prima delle elezioni, perchè se ce l'ha subito dopo, " e chi ti sente per cinque anni? ". andiamo ora a parlare del colle, che bello il colle, che grande il colle, peccato che è stato lottizzato da tre chioschi che non ci fanno venire nessun altro, mo ci manca solo che fanno cartello, e il gioco è fatto.
e la pineta mondragon....a me sembra più la pineta mondragone! e l'anfiteatro? che belle rifiniture che ci sono! e i bagni pubblici in un cimitero ripulito? e la casetta di fasolo? e la struttura geotedica? l'anno prossimo si riinaugura? e chi fate venire, sua santità Fazzone? che non viene a lenola nemmeno per mangiarsi un gelato alla villetta? se non l'avete capito, è ora che questi schieramenti vadano a casa, maggioranza e minoranza! non si dimostra con le chiacchiere il proprio operato, non è con un parcheggio che si sistema un paese, ci vogliono coraggio e novità, purtroppo non sono doti a voi consone, perciò, fareste bene a chiuderli sti blog del cxxxxo, e cominciaste a parlare con la gente che è stufa!!!!!
dateci un buon motivo per stare ancora a lenola! i giovani sono scappati tutti, o comunque molti sono già andati via. vi rendete conto poi che si è persi il controllo della situazione sicurezza (vedasi i furti), vedasi la rapina in banca, signori miei, qua stiamo non alla frutta, ma al conto. però vi devo dare atto che comunque sieti riusciti a portare l'acqua a lenola, o meglio, l'acqua alla gola dei lenolesi!!!!!

Hermano querido ha detto...

Caro anonimo...
la lettera fu spedita tramite e-mail al comune di Lenola (non volevamo farci pubblicità per pubblica piazza, non ci interessava, ma volevano solamente comunicarlo alla maggioranza di questo comune)...
e solo successivamente fu pubblicata chiedendo pubblicamente quello che ora chiediamo anche a te:
"perchè la maggioranza non ci ha mai risposto".

Grazie comunque...

Hermano querido ha detto...

...e comunque, visto che la richiedi ed anche per una cronologia storica, questa è la lettera inviata dall'hermano querido al Comune di Lenola in data 14 febbraio 2007, pubblicata lo stesso giorno sul blog control-alt-canc (http://control-alt-canc.blogspot.com/2007/02/lettera-aperta-agli-amministratori.html) e pubblicata il mese successivo sul numero di marzo dello scoppolino.

"E’ ormai consuetudine, prima con il Consorzio Acquedotti Riuniti degli Aurunci ed ora con Acqualatina S.p.A., trovarsi a Lenola di fronte all’increscioso problema rappresentato dalla carenza idrica. Questo fatto è tanto più grave se si considera che ciò si manifestava nel passato nel pieno della stagione estiva mentre da anni ci troviamo in carenza idrica anche in pieno inverno.
Sono tante le famiglie di Lenola che nel corso di questi anni hanno sperato di veder risolto il problema della carenza e/o mancanza dell’acqua con rapidi interventi da parte degli Enti gestori rimanendone delusi. Le tanto decantate promesse di un netto cambio di rotta con l’avvento dei privati nel settore non ha sortito effetti.
Nulla in questi anni è cambiato, anzi la situazione è peggiorata, se si considera che oltre alla carenza del servizio sono diventate più esose le bollette e negli appartamenti il prezioso liquido arriva con il “contagocce”, essendo totalmente insufficiente per le più elementari esigenze quotidiane. Tornando dal lavoro è arduo compito farsi una doccia, i lavori domestici quotidiani diventano un’utopia, gli scaldabagni e le caldaie a metano non hanno sufficiente pressione idrica per entrare in ciclo di funzionalità, molte casalinghe sono costrette a levatacce notturne per fare il bucato, gli esercizi commerciali non possono neanche soddisfare la richiesta di un semplice caffè, e via discorrendo.
Tollerare tutto ciò da parte di chi ci amministra non è possibile. L’emergenza idrica a Lenola sta assumendo toni alquanto drammatici con troppi cittadini ormai esasperati e stanchi di non avere sufficiente acqua corrente nelle case.
Continue e insoddisfatte le richieste di intervento da tutto il paese. Anche in questo caso ci sembrano gravi le inadempienze della Pubblica Amministrazione e della società Acqualatina.
Crediamo che sia il momento di agire e chiedere di rendere conto degli interventi di ammodernamento della rete idrica e fognante programmati (e facenti parte dell’assunzione del servizio da parte di Acqualatina con il piano programmato degli interventi nella nostra provincia) di cui dovrebbe beneficiare il nostro Comune.
La cittadinanza è sgomenta e non riesce a capire come mai sia Acqualatina sia l’Amministrazione del Comune di Lenola sembrano impassibili di fronte a questo problema.
Chiediamo se non sia opportuno procedere ad una azione di fuoriuscita da Acqualatina come altri Comuni della Provincia si apprestano a fare di fronte ad una società ridotta ormai ad un fallimentare baraccone di disservizio e divoratore di ingenti risorse finanziarie pubbliche. Oppure siamo così succubi e legati a vicende personali di potentati locali che perdiamo di vista il bene comune dei cittadini ed i loro rilevanti e principali interessi?
Prendete in seria considerazione di seguire i passi di altri Comuni, quali Aprilia, Bassiano e Formia, che nel frattempo hanno deliberato provvedimenti a tutela dei cittadini e del vitale servizio idrico.
Non ha senso tenere in piedi questo gestore tanto costoso per i cittadini che si limita a gestire la situazione esistente senza alcun miglioramento di rilievo.
Esso non riesce a risolvere il ben minimo problema. La situazione è incredibile ed intollerabile. E’ certo che perdurando tale incresciosa situazione bisognerà adoperarsi con tutti gli strumenti possibili e presso tutte le autorità competenti al fine di porre un definitivo rimedio a questo grave ed odioso disagio"

Crediamo che questa sera avremo in consiglio comunale le risposte che da febbraio aspettavamo.

Carmelo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Carmelo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Carmelo ha detto...

Mi sono accorto solo ora di essere intervenuto dopo che qualcuno dell'associazione già l'aveva fatto.
E' per questo che ho cancellato i miei due precedenti commenti, ovviamente, suprerflui.

Colgo l'occasione di salutare il "gruppo di maggioranza" e augurargli che questo blog, come quello della minoranza, sia sinonimo di pluralità di dialogo e non di sterili bisticci.
Buon lavoro.

un 62enne ha detto...

All'utente indaffarato dico che troppe parole non lo hanno reso convincente. Qui si continua a parlare senza conoscere le cose e senza sapere di cosa si parla.
Si continuano a fare discorsi astrusi tanto per parlare. Eppure arriverà il momento, come è successo per me, che molti si chiederanno "ma che cavolo ho detto sin'ora?". Il nostro è un bel paese. Godetevelo e cercate di apprezzarlo.

cmprendo utente indaffarato ha detto...

per 62enne, forse tu non sai cosa hai detto fino ad ora, e non continuo!
fatti una passeggiata per lenola e tasta il malumore, non stare solo fuori al bar a giocare a carte!

Anonimo ha detto...

CIAO FERNA''...N'Z PITTA?

Gruppo di maggioranza ha detto...

Cercheremo di recepire il suggerimento di Carmelo.

gruppo di maggioranza ha detto...

... però speriamo che gli altri, compreso gli anonimi, facciano altrettanto.

Lo Staff della Villetta ha detto...

"Utente indaffarato" potresti spiegare cosa intendi per monopolizzazione del colle da parte di tre chioschi?
Oppure venire a trovarci e parlarne di persona.

gruppo di maggioranza ha detto...

Rispondendo al gruppo Hermano querido sul "perchè la maggioranza non ci ha mai risposto", diciamo innanzi tutto che non volevamo mancare di rispetto. C'era semplicemente il bisogno di ottenere notizie certe riguardanti l'appalto, in quanto la gestione dell'opera è stata affidata ad un ente comprensoriale nel cui territorio ricadono Fondi e Lenola. Successivamente si è intervenuti sul sito istituzionale fornendo così una risposta. C'è da aggiungere che "l'amministrazione non è stata impassibile di fronte a questo problema". Il Comune ha sempre spinto verso una soluzione che è sembrata essere la più idonea, cioè quella di creare un nuovo acquedotto da Fondi. La problematica della carenza idrica infatti, come già anticipato, non poteva mai essere risolta in un paese ubicato nella fase terminale di una condotta lunghissima.

Anonimo ha detto...

avete detto bene Lenola è "...paese ubicato nella fase terminale..."

Aladino Band ha detto...

Vedete. Si continua a reagire con sarcasmo e arroganza a risposte serie e pacate.
E' fatta così la classe dirigente che vorrebbe sostituire l'attuale?

Pasquino ha detto...

....Ieri sono stato al centro analisi di Fondi: Una marea di persone in attesa!! Questo è Marrazzo? Allora cari amici siamo caduti dalla padella alla brace! Altro che nuovo P.D., Cambiamento della società...Aiuto ai più deboli: Tutte chiacchiere!! Siamo stufi!!.........e intanto Mastella e Rutelli e company viaggiano con l'aereo di Stato per dare la coppa ad Alonso!! ...Al costo di 20.000 euro circa a carico di noi tutti!!! ...e io pago!!!!!...Poi dice che uno si butta a CENTRO!! Ciao : Pasquino.

fiamma avanti ha detto...

PREGHEREI LA GIUNTA COMUNALE AD INFORMARE MAGGIORMENTE I CITTADINI A RIGUARDO DELLA QUESTIONE DEI FELINI O PRESUNTI TALI CHE INPERVERSANO NEL MONTE APPIOLO. A RIGUARDO PER NOI CITTADINI C'E' UNA MANCANZA TOTALE DI INFORMAZIONE DA PARTE DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE NON E' POSSIBILE CHE UN CITTADINO DEVE CERCARSI LA VERITA' E L'INFORMAZIONE DA SOLO TRA L'ALTRO A PROPRIO RISCHIO E PERICOLO. COME STANNO VERAMENTE I FATTI?