venerdì 22 giugno 2007

Consiglio comunale del 21 giugno '07

In apertura di seduta il Presidente del Consiglio Comunale, Giulio Mastrobattista, ha parlato del rischio riguardante lo spostamento della scuola di magistratura da Latina (dove era stata inizialmente proposta) a Firenze. Ha espresso pertanto l'auspicio che la Provincia avanzi ricorso avverso tale decisione.

Il secondo punto ha riguardato l'encomio al luogotenente Orlando Lauretti, presente in aula, per la Croce di Bronzo al merito dell'Arma dei Carabinieri, conferitagli dal ministro della Difesa Arturo Parisi con la seguente motivazione: "LUOGOTENENTE IN POSSESSO DI PREGEVOLI DOTI UMANE ED INTELLETTUALI, D'IMPECCABILE STILE MILITARE E DI ECCELLENTE PREPARAZIONE TECNICO-PROFESSIONALE, SOSTENUTA DA ALTISSIMO SENSO DEL DOVERE E COSTANTE ABNEGAZIONE, HA SEMPRE SVOLTO IL SERVIZIO NELL'ARMA CON NON COMUNE SPIRITO D'INIZIATIVA, ESERCITANDO UN'AZIONE DI COMANDO EQUILIBRATA, EFFICACE ED AUTOREVOLE. NEL CORSO DI TRENTASEI ANNI DI PRESTIGIOSA CARRIERA MILITARE, HA PROFUSO UN INCONDIZIONATO IMPEGNO NELL'ESPLETAMENTO DEGLI INCARICHI ATTRIBUITIGLI, NEI QUALI E' SEMPRE RIUSCITO A CONIUGARE PERFETTAMENTE LE NUMERSOE E COMPLESSE ATTIVITA' ISTITUZIONALI CON LE VARIE PROBLEMATICHE LOCALI, INDIVIDUANDO SOLUZIONI SEMPRE BRILLANTI E COSTITUENDO INSOSTITUIBILE PUNTO DI RIFERIMENTO PER LA POPOLAZIONE E PER IL PERSONALE DIPENDENTE. ATTRAVERSO UN'OPERA CONTINUA, QUALIFICATA ED APPREZZATA, HA CONTRIBUITO ALLO SVILUPPO ED AL PROGRESSO DELL'ISTITUZIONE, ESALTANDONE IL LUSTRO ED IL DECORO NELL'AMBITO DELLE FORZE ARMATE E DEL PAESE". Dopo aver letto la motivazione, il Sindaco di Lenola Gian Battista De Filippis, a nome del Consiglio Comunale e della cittadinanza tutta, ha consegnato al luogotenente Orlando Lauretti una targa-ricordo.

Si è passati a discutere la mozione presentata dal consigliere Carlo Pietrosanto che ha raccolto 4 voti su 14 presenti. Il gruppo di maggioranza ha presentato il seguente emendamento alla mozione che ha ottenuto, sempre su 14 presenti, 10 voti: "CONSIDERATO che a seguito dell'entrata in vigore della legge n° 36/1994 e della legge regionale n° 6/1996 il territorio regionale è stato suddiviso in vari ambiti territoriali e che Lenola fa parte dell'ATO4, gestione Acqualatina; CHE è in fase di approvazione da parte del Parlamento una proposta di legge riguardante la gestione del servizio idrico; VISTA la mozione prot. n° 2408/2007 presentata al Sindaco e al Presidente del Consiglio Comunale; CONSIDERATO che la stessa mozione, alla luce della nuova normativa in itinere, appare oggettivamente superata; CHE la legge attualmente in fase di approvazione dovra' andare incontro alle esigenze di quanti recriminano una migliore gestione del servizio; CHE occorre essere consapevoli e sensibilizzare la popolazione riguardo all'utilizzo razionale dell'acqua, allo scopo di ridurre gli sprechi e gli abusi; IL CONSIGLIO COMUNALE DI LENOLA - fa voti al Parlamento della Repubblica affinchè in tempi brevi si giunga all'approvazione della proposta di legge di cui in premessa; - tutto ciò allo scopo di dare delle risposte concrete a quanti richiedono un servizio maggiormente conforme alle proprie aspirazioni".

Il consiglio comunale ha anche approvato il rendiconto dell'esercizio finanziario 2006 che riporta le numerose attività svolte o iniziate (in un altro post sono menzionati alcuni interventi). Da evidenziare inoltre che, dopo quattro anni di amministrazione del Sindaco De Filippis e del gruppo "Progetto per Lenola", ci ritroviamo per l'ennesima volta un bilancio sano, frutto di una gestione corretta e responsabile.

Su proposta del Sindaco è stato ritirato il "Piano di lottizzazione convenzionata in loc. Carduso" per un approfondimento riguardante il parere dell'apposita commissione urbanistica.

A seguire sono state approvate alcune variazioni di bilancio contenenti, tra l'altro, un nuovo finanziamento provinciale per l'installazione di pannelli frangivento attorno alla tensostruttura.

In conclusione il Consiglio comunale ha adottato una delibera contro la chiusura dell'ufficio Enel di Formia.

STIAMO FACENDO IL NOSTRO DOVERE AL SERVIZIO DELLA POPOLAZIONE E DEL TERRITORIO.

2 commenti:

una opinione ha detto...

Con questa storia della mozione sull'acqua, in realtà si tenta di nascondere le responsabilità di chi ha voluto all'epoca l'attuale legge: il centro sinistra.
Adesso pertanto è il centro sinistra in primis che comunque deve assumersi la responsabilità di cambiarla. Per arrivare a questo non serve votare una mozione in un consiglio comunale.
Quindi ha fatto bene la maggioranza a presentare un emendamento alla mozione, perchè alle provocazioni di carattere politico e ai tentativi propagandistici, così si deve rispondere.

Aladino Band ha detto...

Ottimo commento.